Categoria Soldi

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua adunanza del 31 ottobre 2017, ha sanzionato, deliberando la chiusura di tre procedimenti istruttori per pratiche commerciali scorrette, UniCredit S.p.A. (5 milioni di euro), Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. (4 milioni di euro) e Intesa San Paolo S.p.A. (2 milioni di euro) per un ammontare complessivo di 11 milioni di euro.

Una cittadina veronese aveva stipulato nel 2010, in occasione di un acquisto presso un centro commerciale, un contratto di finanziamento di € 500,00 finalizzato all’acquisto del bene. Contestualmente era però prevista l’emissione di una carta di credito di tipo revolving.

Ancora un caso di contenzioso per l’incasso degli interessi indicati nei buoni fruttiferi trentennali. Una cittadina veronese è in possesso di un buono postale serie “P” del valore di Lire cinque milioni, acquistato il 27.12.1986 con scadenza il 31.12.2016. 

A conclusione di due istruttorie, l’Autorità ha ritenuto gravemente ingannevoli e omissive le modalità di offerta dei diamanti da investimento da parte di Intermarket Diamond Business – IDB S.p.A. (IDB) e Diamond Private Investment – DPI S.p.A. (DPI), anche attraverso gli istituti di credito con i quali rispettivamente operavano: Unicredit e Banco BPM (per IDB); […]

Il nostro caso della settimana anche su La7, alla trasmissione «diMartedì».