Ha fatto capolino sui banchi delle panetterie alcuni mesi orsono ed è stato subito boom quello del «» al .

Il non può essere al

Alla ricerca sempre di prodotti nutraceutici, i consumatori italiani hanno risposto con slancio e interesse al nuovo che vantava proprietà terapeutiche soprattutto nei casi di disturbi gastrointestinali, senza sapere, invece, che tale era fuori legge.

La notizia è rimbalzata sulle pagine di tutti i giornali. Ben 12 sono stati i panificatori denunciati per frode in commercio e utilizzo di additivi chimici non autorizzati nell’operazione condotta dalla Forestale del Comando Regionale per la Puglia e del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Altamura – Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

, focaccia e bruschette al erano, infatti, preparati con il colorante E153 , vietato sia dalla legislazione nazionale che da quella europea.

Anzi, a dirla tutta, perché un prodotto possa essere definito e commercializzato come , gli ingredienti base devono essere:

• acqua

• farina

• lievito accanto ai quali sono ammessi anche: sale, zucchero, latte e burro.

L’E153, essendo un additivo, non rientra tra gli ingredienti ammessi nella preparazione del , ma può invece essere usato nella preparazione di altri prodotti alimentari. Quindi, per rispondere all’interrogativo nel titolo: il prodotto commercializzato come “ al ” non è “”.

Tratto da adiconsum.it