Si terrà venerdì 15 gennaio 2016 alle 18 presso la Sala «Rustico Inferiore» del Centro Culturale di (Vr) in piazza Umberto I, n. 10 (accesso alla sala dal cortile interno), l’incontro promosso da Adiconsum Verona per illustrare ai clienti le modalità di tutela nel recupero delle somme sottratte  dal dipendente che prometteva remunerativi.

Il 15 gennaio riunione sul caso

Le indagini avviate dalla Questura di Verona riguardanti la sottrazione dei risparmi da parte del promotore della filiale di a carico di un numero imprecisato di clienti convinti di aver investito denaro in titoli confermerebbero che i soldi sono stati utilizzati per fini personali.

Nonostante il rilascio della documentazione, presumibilmente falsa, emessa al momento dell’investimento o per informare circa gli interessi maturati (tutti documenti con intestazione consegnati all’interno della Filiale) le somme corrisposte sarebbero state utilizzate per fare scommesse o partecipare ad altri giochi d’azzardo. Il tutto senza che sapesse che cosa stesse succedendo. Sarebbe stata  un’indagine interna a far emergere l’operato dell’impiegato che pare durare da alcuni anni.

Cosa possono fare i clienti coinvolti? Possono chiedere la restituzione alla anche degli interessi? Quanto tempo ci vorrà?

Per rispondere a queste domande e a quelle che verranno formulate dai partecipanti interessati, saranno presenti all’incontro Davide Cecchinato, Presidente Adiconsum Verona, Silvia Caucchioli e Iacopo Cera, legali dell’Associazione.